Macallè Blues

Vai ai contenuti

Menu principale:

I dischi...

RONNIE BAKER BROOKS

"Times have changed"


E' un compendio di musica nera questo improvviso, quanto felicissimo, ritorno alle scene di Ronnie Baker Brooks. Al netto dei tanti ospiti che, ben lungi dal riempire vuoti, sottolineano con opportune presenze, lo spirito di ben precisi brani, con questo Times Have Changed, l'ancor giovane Brooks ci ricorda non solo del suo chiaro talento di chitarrista, qui ben bilanciato e opportunamente addomesticato da una sapiente produzione (opera di Steve Jordan), ma ci sorprende con un registro vocale profondamente soulful e ben calato in un contesto moderno......


continua...

News and reviews...

THORNETTA DAVIS

"Honest woman"


Riemerge dalle sabbie mobili del tempo, con vigore e determinazione, anche Thornetta Davis, corposa interprete e, qui soprattutto, autrice da Detroit, Michigan, terra di crocevia idiomatici che, tra rock, blues, gospel e il sound della Motown hanno caratterizzato le partiture più significative concepite in questa che fu, e un po’ ancora resta, la città dei motori. Con un passato speso tra Bob Seger e il black rock degli esordi, oggi ritorna con un disco che si manifesta, fin dalle prime note, come un personale elogio delle radici, tessuto in chiave assai moderna.......

continua...

LISA BIALES

"The beat of my heart"

L’efebico, cristallino soprano di Lisa Biales è calato qui in un repertorio e in uno stile non sempre allineati con le sue peculiari caratteristiche vocali. Ma, la nascita di questo disco, ha una sua storia particolare; e, questa storia, ha un suo fascino dal lessico affettivo, famigliare. La sua genesi risiede, infatti, nel ritrovamento di un vecchio 78 giri, inciso, nel 1947, da Alberta Roberts, madre della Biales......

continua...

BIG HARP GEORGE

"Wash my horse in Champagne"

Il suono più tradizionale e jump di quella California armonicistica che guarda con un occhio a George “Harmonica” Smith e con l'altro alla giocosa mobilità sassofonistica di Louis Jordan rivive in questa seconda opera di Big Harp George. Dopo Chromaticism, il pregevole debutto solista uscito nel 2014 (e, su questo website, già recensito), Big Harp George, al secolo George Bisharat, torna in studio di registrazione e rincara la dose......


continua...

Frank Frost
(1992: foto Giovanni Robino)

Il disco raccontato da...


ANDREA MARR ci parla di....

"Natural"

Singolare storia quella di Andrea Marr. Nativa dello Sri Lanka ma, ben presto, trapiantata a Melbourne, Australia, pubblica oggi un nuovo disco che la consacra come una delle voci più sferzanti e compiute del panorama internazionale contemporaneo.

Dinamica, energica e fieramente felina, oltre che vibrante vocalist Andrea Marr si rivela autrice di chiaro talento....

continua...

ANDREA CUBEDDU ci parla di....

"Jumpin' up and down"

Andrea Cubeddu, incarnazione nostrana del busker, del bluesman di strada, ha soltanto ventiquattro anni, un'urgenza espressiva chiaramente avvertibile ed è già una delle sorprese più fresche e interessanti che il panorama blues italiano porti oggi in pancia. Il suo primo disco completo Jumpin' Up And Down, segue a ruota l'uscita del precedente EP On The Street e ricava il proprio titolo direttamente dal celeberrimo Preachin' Blues di Son House, artista del quale si avverte molto lo spirito.....


continua...

Short cuts: i cd in breve...


I libri...


Antonio Belardinelli

Boxe and blues
Bookabook Edizioni - Collana Narrativa - 2017


Più che la marginale colonna sonora che costituisce il sottofondo di questi cinque racconti, in questo libro il blues va inteso come cupo, contrito colore dell'anima; quell'accordo, sempre minore, che sottende l'incalzante, ritmica narrazione delle singole storie e ne accompagna, con discrezione, lo svolgersi.
Qui, il vero protagonista, ancorché in senso lato, è invece la boxe......

continua...


Bob Dylan

Tarantula
Feltrinelli Edizioni - Collana Economica - 2016


Confesso! Nei confronti di Bob Dylan ho sempre nutrito una qual certa idiosincrasia. Se, come cantautore, mi sarebbe stato impossibile non apprezzarne le indubbie doti e, conseguentemente, le canzoni avvertendone, in tal senso, la grandezza e l’importanza, anche rivoluzionaria, della sua parabola artistica, non ho mai amato la sua voce né il suo modo cantilenante di cantare e sono sempre stato infastidito da quell’aura mi(s)tica nella quale, da sempre, si ritrova circonfuso. Reazioni controverse per un artista controverso. E lui, controverso, lo è stato fin dal nome: d’arte.....

continua...


I concerti...


Tony Coleman & Henry Carpaneto

Dopo l'esordio sullo stesso palco, tenuto nell'autunno del 2003 quando, accompagnato dall'allora sua band, ebbe come ospite speciale Otis Grand, è tornato sul palco del Macallè Tony Coleman, ovvero il batterista delle blues stars, B.B. King in primis. Questa volta, però, è tornato col supporto di un partner italiano, conosciuto nel corso degli anni e col quale ha collaborato anche in studio: il talentuoso pianista ligure Henry Carpaneto...

continua...

Paul Reddick & the Gamblers feat. Tony D e Steve Marriner

Frutto sorprendente e succoso di un piccolo tour nato un po’ per caso, questo concerto ha visto uniti, su un solo palco, esperienze italiane, non nuove alle collaborazione internazionali, e profonde sensibilità d’oltreoceano, anche loro non nuove al reciproco incontro.
Paul Reddick, canadese, oltre che armonicista e cantante è, soprattutto, autore particolare. Con i Gamblers ha già collaborato in passato producendo e calando la sua lunga ombra su Photograph, il loro ultimo disco...

continua...

I Dvd...


FRANKIE MILLER'S DOUBLE TAKE - SENDING ME ANGELS
un film prodotto da David Mackay - CD e DVD

June Productions Ltd. - 2016


Quando si parla di grandi personaggi, magari resi ancora più mitologici dall’abbattersi improvviso di un destino immeritatamente avverso, è fin troppo facile sconfinare nella mitizzazione, trasfigurare nella stucchevole retorica di una narrazione agiografica...

continua...


DAVID "HONEYBOY" EDWARDS: I'M GONNA TELL YOU SOMETHIN' THAT I KNOW
un film diretto da Jeff Dale - CD e DVD
Pro Sho Bidness - 2016

David “Honeyboy” Edwards è proprio come un albero secolare. All'ombra dei suoi rami e appresso al suo tronco è trascorsa tanta di quella vita e vi hanno trovato ombra così tanti bluesmen da rendere quest'uomo ciò che, invero, è stato: il prezioso testimone di quasi un intero secolo di storia del blues.....


continua...

Le interviste...


Thornetta Davis

Autrice schietta, cantante dal taglio potente e cristallino, con una lunga carriera di corista alle spalle che l'ha vista prestar voce, tra gli altri, al leggendario Bob Seger e Kid Rock, Thornetta Davis torna sulla scena discografica a distanza di vent'anni dal suo vero esordio e lo fa con un nuovo disco, Honest Woman, benedetto dal vigore e dalla creatività ritrovati e dalla presenza di alcuni ospiti speciali come Kim Wilson e Larry McCray. Quella che segue, è la chiacchierata (un grazie a Frank Roszak) concessa a Macallè Blues.....

continua...


Randy McAllister

Batterista, armonicista, cantante e autore dall'originale percorso musicale, il texano Randy McAllister vanta una carriera quasi trentennale e una dozzina di ottimi dischi. Decidiamo di incontrarlo sull'onda dell'uscita del suo ultimo, bellissimo Fistful of Gumption e dell'entusiasmo suscitato dall'ascolto dello stesso. Quella che segue, è la chiacchierata (un grazie a Frank Roszak) concessa a Macallè Blues.....

continua...


Le Blues News...


29 novembre 2017: ancora soddisfazioni per il duo Fabrizio Poggi e Guy Davis. Grazie al loro ultimo lavoro Sonny & Brownie's Last Train sono, infatti, tra i cinque finalisti nominati per i Grammy Awards 2018 come Best Traditional Blues Album.
Le altre nomination nella stessa categoria sono state quelle di Eric Bibb, Elvin Bishop, R.L. Boyce e dei Rolling Stones.



05 luglio 2017: Un ricordo di Rudy Rotta. Le 'Blues News', talvolta, diventano davvero troppo blue. Rudy Rotta, chitarrista, cantante e autore, è stato indubbiamente uno dei principali alfieri del blues italiano e, certamente, uno tra i più importanti rappresentanti di questo genere all’estero, soprattutto, nella terra madre di questa musica, l’America che, non sempre generosa nei confronti dei musicisti stranieri, gli ha, giustamente, accordato tanto credito e onori nel corso degli anni.
Lo incontrai la prima volta nel 1991. All’epoca, collaboravo occasionalmente con un giornale locale che ospitava miei articoli e interviste. E fu proprio in occasione di un suo concerto, tenuto presso un glorioso local....


 
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu