Macallè Blues

Macallé Blues
....ask me nothing but about the blues....
Vai ai contenuti

I dischi in evidenza...

News & Reviews...

MAX PRANDI & LINO MUOIO


"Outtakes from the Tiny Room"

Max Prandi, pur nella sua essenziale, disarmante semplicità di uomo e artista, è creatura complessa o, quantomeno, duplice: a pari tempo, una voce da soul brother costretta nel corpo di uno tra i nostri migliori bluesmen. Lo ricordo bene quando, nel 2006, aprì il concerto di Studebaker John & The Hawks presentandosi, sul palco, in beata solitudine e armato, da buon busker......


DELGRÈS

"04:00 AM"

Il meticciato stilistico e culturale che si ritrova vivo tra le tracce di 4:00 AM, sequel del precedente e altrettanto ibrido Mo Jodi, ha originato un nuovo disco dalla sorprendente, compiuta amalgama. Sull’origine del nome Delgrès: Delgrès (Louis), nato libero in Martinica, fu ufficiale di fanteria durante i moti di ribellione seguiti alla campagna napoleonica per la reintroduzione, nelle Antille francesi, della schiavitù.......


lkjlkjlkj
JOANNA CONNOR


"4801 South Indiana Avenue"

Fin dal manifestarsi delle prime note, Joanna Connor lancia il suo incantesimo e dà senso compiuto all’aggettivo wild, facendo intendere quanto questo suo ultimo lavoro possa essere considerato - e, nel merito, io non avrei dubbi! - come il suo più rappresentativo e completo.
Chitarrista, cantante e autrice, impavida veterana di un blues impetuoso e tonante, anziché adagiarsi sui proverbiali allori......


Frank Frost
(1992: foto Giovanni Robino)

CHRIS CAIN


"Raisin' Cain"

Occorreva un produttore, di occhio ed esperienza lunghi e affilati come Bruce Iglauer, per domare il giusto e incanalare con profitto il profluvio di indomita, anarchica energia che promana da un artista, istintivo e viscerale come Chris Cain. Non che le precedenti uscite di questo straordinario e mai troppo considerato chitarrista fossero meno riuscite; certo è che la mano di Iglauer e il marchio sonoro......


Il disco raccontato da...


VAN KERY ci parlano di....


"New life"


I Van Kery sono un energico trio catanese, dai trascorsi ventennali, ormai cristallizzato in forma stabile attorno ai nomi di Gianluca Vancheri, chitarra e voce, Giuseppe Di Mauro, basso e Antonio Quinci batteria. Reincarnazione musicale di quella che un tempo fu la Van Kery Blues Band, oggi automutilatasi nel nome, rinasce a nuova vita ed esce con quello che, a ben vedere, si può considerare il suo autentico debutto discografico......



TOMÁS DONCKER ci parla di....


"Wherever you go" e "Red cross store"


Non stupisce che Tomás Doncker sia un musicista atipico nel mondo del blues. Le sue radici musicali parlano chiaro e raccontano una storia di contaminazioni più che di ortodossia formale. Nato musicalmente in quella New York avvolta nel cosiddetto movimento No Wave (avanguardia artistica emersa alla fine degli anni '70 come reazione esantematica al punk-rock inglese e nota per aver abbondantemente sperimentato rumori, dissonanze e altre abrasività sonore).....



Shortcuts: i cd in breve...


LAUREN ANDERSON
"Love on the rocks"
CHRIS GILL
"Between Midnight and Louise"
THE ATOMIC 44's
"Volume one"
MIKE ZITO
"Resurrection"

Le interviste...


Laura Rain

cantante intensa e carnale, dalla precisa e sicura emissione, di derivazione classica, Laura Rain è l'inatteso gioiello emerso dal quel fecondo e, spesso, misconosciuto terreno di coltura musicale che è stato (e, forse, è ancora!) Detroit. In lei convergono tutti gli umori più tradizionali del soul, del blues e del R&B. L'educato, controllato volume e le profondità emotive della giovane Aretha Franklin, mescolati con la raffinatezza di Marvin Gaye, la potenza di fuoco di Tina Turner, l'estro medolico e funk di Prince. Con quattro album all'attivo (un quinto è programmato entro l'anno!) e una serie di singoli pubblicati durante questo periodo di reclusione da pandemia, è giunto il tempo, per Laura, di farsi strada anche da questa parte dell'oceano.
Quella che segue, è la chiacchierata concessa a Macallè Blues....


Louis 'King Louie' Pain

Louis Pain, dai natali californiani (San Francisco) ma, dagli anni '80 residente a Portland, Oregon, noto oggi come King Louie ovvero il 'Portland's boss of B-3' è uno dei più apprezzati hammondisti della scena contemporanea. Prima di dare vita alle sue due ultime incarnazioni artistiche, vale a dire il duo con la vocalist LaRhonda Steele e, soprattutto, il King Louie Organ Trio, vanta un trascorso musicale assai ricco, speso al fianco di nomi cone Curtis Salgado, Linda Hornbuckle, Lloyd Jones ma, soprattutto, il grande, innovativo armonicista Paul deLay.
Quella che segue, è la chiacchierata che Louis 'King Louie' Pain ha concesso a Macallè Blues....


I libri...


Paolo Bonfanti

Elastic blues - libro + CD

La Contorsionista Edizioni - 2020


Alt!/The noise of nothing/Haze/In love with the girl/Unnecessary activities/Heartache by heartache/Don't complain/Fìn de zugno/We're still around/A o canto/Hypnosis/I can't find myself/Sciorbì-sciuscià/Elastic blues/Where do we go/Unnecessary activities (slight return)

Rust Rec. - 2020


Volente o nolente, Paolo Bonfanti è un pezzo di storia della musica di questo nostro, per ben altri versi, sciagurato paese. Dire che lo sia del blues, ancorché vero dati i trascorsi, sarebbe palesemente e immeritatamente riduttivo. Diciamo allora che lo è, più inclusivamente, della musica di derivazione americana, alla quale ha contribuito, nel corso degli anni, con il suo personale e generoso tocco d’autore......


Serena Berneschi

La pittrice di suoni - Vita e musica di Carmen McRae

96, Rue de-La-Fontaine Edizioni - 2020


 
Faccio subito esercizio di pubblica ammenda per aver osato iniziare una recensione partendo da una piccola digressione, per così dire, autobiografica; ma confido nel fatto che, il lettore, non me ne vorrà una volta chiara la ragione.
Quando, con sorpresa, fui contattato dall’autrice di questo libro e venni, così, a conoscenza della sua recente pubblicazione, rimasi sorpreso - una seconda volta! - non appena mi fu nota anche la sua età. Mi fece così piacere e una tale impressione sapere che era stata una giovanissima donna a scrivere La Pittrice Di Suoni........


I Dvd...


CHUCK BERRY: THE ORIGINAL KING OF ROCK'N'ROLL
un film di Jon Brewer

Cardinal Releasing Productions - 2020

Chuck Berry lanciò il suo cerino acceso in quel fermento di paglia e fieno che erano gli anni ‘50, con una serie di indimenticabili hits che sarebbe fin troppo banale, se non irrispettoso della memoria collettiva, citare qui. I suoi testi, letterari, poetici, popolari e divertenti a un tempo, il suo originale e seducente stile chitarristico unito alla diafana lucentezza della voce, fecero di lui il primo artista trasversale di tutti i tempi. Con la sua musica aveva, involontariamente, anticipato ogni tipo di movimento, risveglio, emancipazione a venire colmando, anzitempo, ogni possibile ed esistente divario razziale. Ben prima del ‘68, Berry ebbe un inatteso, intenso impatto sui teenagers di ogni colore dell’epoca......


SIDEMEN: LONG ROAD TO GLORY
un film di Scott Rosenbaum

Red Hawk Films & Red Thread Productions - 2018

Un sideman è un gregario. Alla lettera, una figura “marginale”; non, ovviamente, in termini qualitativi, quanto nel senso della propria collocazione spaziale; marginale ma che, nel suo stare ai margini, spesso, sostiene in modo riservato, ma irrinunciabile, la centralità della scena. Come a dire, “without sidemen, no music!”.
Un tempo, erano Muddy Waters e Howling Wolf a contendersi questa centralità, sui palchi di Chicago: due storiche band, due giganti del blues elettrico del dopoguerra che, di sera in sera, si sfidavano, per così dire, a colpi di “slide” e “ululati”, contendendosi un ideale primato che non avrebbe potuto basarsi su altro se non sulla risposta del pubblico, sul proprio personale stile e sul suono.....


Torna ai contenuti